9 Giugno 2015

Al S. Scolastica di Cassino un’assistenza ospedaliera del tutto innovativa

Si è tenuto ieri presso l’Ospedale di Cassino la riunione tra il Direttore Generale Isabella Mastrobuono ed i Rappresentanti delle principali sigle sindacali del personale del Comparto. Tema dell’incontro: l’Ospedale per Intensità di Cure ed Aree Omogenee di recente avviato al S. Scolastica. Come era normale che fosse, e come ampiamente previsto già in fase di stesura del “Progetto”, si è preso atto di alcune criticità emerse in questa primissima fase di rodaggio: oggettive difficoltà a reperire personale infermieristico per l’Holding Area aperta presso il Pronto Soccorso e per l’area di Alta Intensità che – avviata proprio pochi giorni fa – dovrà accogliere, nell’ambito della MacroArea Medicina/ Pneumologia/ Geriatria pazienti con patologie particolarmente gravi; alcune problematiche puramente tecnico – strutturali (delle U.O. hanno visto ridursi spazi e ambienti di lavoro); personale infermieristico su cui grava maggiormente la realizzazione del progetto con difficoltà che potrebbero aumentare per le ferie estive.

La Direzione Aziendale – pur non trascurando nulla di quanto emerso che sarà tenuto in seria considerazione – ha sottolineato che ogni cambiamento comporta inevitabili riorganizzazioni e che queste iniziali difficoltà serviranno ad ampliare a breve l’offerta assistenziale nella nostra Provincia. La Holding Area in Pronto Soccorso potrà avere positive ripercussioni per eliminare le mortificanti attese sulle barelle; la Day Surgery da poco aperta (dal 1 marzo 2015 già 200 accessi) permetterà di risparmiare giornate di ricovero con migliori opportunità lavorative per il personale e – soprattutto – con più posti letto a disposizione dei ricoveri più lunghi, decongestionando il Pronto Soccorso (come già sta avvenendo).

Vi sono sacrifici inevitabili (e non trascurabili) in ogni cambiamento ma a Cassino – primo importante investimento pubblico verso una forma di assistenza ospedaliera del tutto innovativa e volta al futuro – la sfida dovrebbe coinvolgere ancora di più tutti sapendo che questo potrà permettere a breve di reclamare risorse necessarie in sede regionale. Il modello “ cassinese ” avviato al S. Scolastica è un esempio evidente di come una comunità sa riconsiderare/innovare la propria attività rimodulando l’offerta sanitaria, ponendosi all’avanguardia tra gli Ospedali nel Centro Sud. Siamo certi che il personale tutto sarà sempre più coinvolto in questa importante sfida.

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a redazione@ciociaria24.net o telefonare al Numero Verde 800-090501.
EUTANASIA - La storia di Piera Franchini

Eutanasia - Piera Franchini, a causa di una lesione al fegato ormai incurabile, andò in Svizzera per il suo suicidio assistito nel 2013.

EUTANASIA - Marco Cappato: «Caro Papa, e se sull'eutanasia il "crimine" foste voi a favorirlo?»

Eutanasia - Queste le dichiarazioni sulla propria pagina Facebook di Marco Cappato, esponente dei Radicali e dell'Associazione Luca Coscioni.

CORONAVIRUS – Lattoferrina proteina anti Covid perché stimola l'immunità

Lattoferrina Coronavirus - Il Professor Massimo Andreoni, direttore dell'Unità malattie infettive al Policlinico di Tor Vergata a Roma, è intervenuto nella trasmissione "L'imprenditore e gli altri" su Cusano Italia TV.