7 Febbraio 2012

Acquafondata: Il sindaco: “L’esercito vuol essere pagato”

Ad Acquafondata da ieri i telefonini sono funzionanti dopo cinque giorni di stop. Gli abitanti restano però isolati a causa delle strade ghiacciate mentre nelle case la corrente va e viene. Intanto è polemica nel paese montano del cassinate per l’intervento dell’esercito. “Vuol essere pagato”, dice il sindaco Antonio Di Meo che rende note le cifre: “700 euro al giorno per 10 militari da mettere nella spesa di bilancio comunale. Non è giusto”

SPONSOR

Vi aspettiamo presso la sede del Gruppo Jolly Automobili, S.S. dei Monti Lepini km 6,600, a pochi metri dal casello autostradale di Frosinone.