Sicurezza urbana, Gabriele Picano propone una task force: “Capire le emergenze per indirizzare azioni congiunte”

«Sono atti che sconvolgono, che feriscono la città e che vanno condannati con fermezza». E’ piena la solidarietà e la vicinanza di Gabriele Picano, consigliere comunale di Cassino, ai titolari della StanleyBet unitamente ai dipendenti della sala scommesse per il triste episodio dell’attentato incendiario che li ha visti loro malgrado coinvolti, giovedì mattina.

Lo sdegno per l’accaduto è enorme unitamente alla volontà di voler dare il proprio contributo ad aumentare il livello di sicurezza urbana. Certo che il lavoro delle forze dell’ordine porterà ben presto a fare chiarezza sul biasimevole gesto, il giovane consigliere comunale riflette sul più vasto tema della sicurezza urbana e propone l’utilizzo di tutti gli strumenti a disposizione per aiutare la città a sentirsi maggiormente garantita. «Il massimo impegno per un adeguato mantenimento dei livelli di sicurezza urbana –  ha argomentato Picano – potrebbe passare per l’avvio di una task force tra istituzioni, forze sociali e forze dell’ordine. Inutile dire che in questi casi gli steccati politici non solo vengono superati ma non esistono affatto,  per  tale motivo potrebbe risultare assolutamente agevole lavorare insieme all’individuazione di formule adatte alle singole realtà di una stessa area urbana. Un episodio così drammatico e improvviso, infatti, riaccende la luce su tutte le emergenze cittadine: sulle periferie da tutelare, sulle situazioni di degrado o sulle aree urbane particolarmente vulnerabili. Una task force permanente potrebbe avvicinarsi ad ognuna delle criticità esistenti con grande puntualità, mappare il degrado o le situazioni di rischio, individuare le strategie e le azioni utili ad elevare il livello di vivibilità di cittadini e commercianti, soprattutto in un’area come la nostra che spesso paga le conseguenze della sua posizione geografica. Un’azione congiunta ben strutturata aiuterebbe la stessa politica ad indirizzare i propri sforzi nella giusta direzione, a reperire cioè risorse mirate allo scopo. Resto convinto infatti che solo con una strategia globale gli interventi possa risultare davvero efficaci».

Menu