Sanità ciociara al collasso. Marino Fardelli: è tempo di invertire la tendenza.

Tac fuori uso a Cassino, risonanza magnetica inesistente a Sora, Pronto Soccorso e reparto di ematologia al collasso a Frosinone. Sono soltanto gli ultimi tre argomenti di una sanità ciociara che ogni giorno, dalle cronache, ci lancia l’allarme su una situazione disastrosa che coinvolge le strutture, il personale e i pazienti. Le associazioni di categoria di fronte a questa situazione drammatica, si sono riunite invitando all’incontro tenutosi sabato scorso a Frosinone, i rappresentanti della provincia in seno alle istituzioni. Presente il neo consigliere regionale Marino Fardelli, il quale ha partecipato al dibattito raccogliendo tutte le informazioni possibili su una sanità ciociara che ha bisogno di interventi immediati. “I punti di criticità sono davvero tanti e non riguardano un nosocomio ma tutti – ha detto Fardelli – In tutta la provincia assistiamo ad una situazione che si ripercuote sui pazienti e che mette in serie difficoltà il personale medico e paramedico costretto a lavorare in condizioni spesso impossibili”. Le argomentazioni portate all’incontro dalle associazioni di categoria, hanno evidenziato una realtà che tocca tutta la provincia di Frosinone a seguito della chiusura degli ospedali di Anagni, Pontecorvo, Ceccano, degli accorpamenti e dei ridimensionamenti dei reparti o addirittura della loro soppressione. “L’analisi portata alla nostra attenzione – ha detto Marino Fardelli a margine dell’incontro – ha evidenziato tutte le problematiche della sanità ciociaria. Ma adesso è il tempo dell’inversione di tendenza. Non possiamo assistere ad una continua decadenza quotidiana. C’è bisogno di una programmazione seria e rispondente ai bisogni di salute”. Lunedì con il primo consiglio regionale, s’insedia ufficialmente la legislatura Zingaretti. “Al Presidente  – ha detto il neo consigliere regionale Fardelli – richiederò un tavolo permanente sulla sanità e chiederò agli altri rappresentanti eletti in provincia di Frosinone, di intervenire insieme per portare con maggiore forza la nostra voce nelle giuste sedi”. Durante l’incontro le associazioni di categoria, oltre a portare un’analisi della situazione, hanno elencato una serie di proposte che possono costituire una soluzione per tutte le emergenze che attanagliano la sanità ciociara. “Porterò all’attenzione del Presidente Zingaretti, tutti i suggerimenti che le associazioni con attenzione ed esperienza hanno elencato, affinchè si proceda immediatamente all’istituzione di un tavolo permanente che possa affrontare una ad una tutte le questioni” ha concluso Marino Fardelli.

Menu