21 febbraio 2012 redazione@ciociaria24.net

Sanità, Abbruzzese: Sull’ospedale di Cassino solo terrorismo mediatico

 

“Sull’ospedale di Cassino, ed in particolar modo sui reparti di Ortopedia e Pediatria, si sta facendo terrorismo mediatico. In questo modo non si risolve alcun problema, anzi se ne creano altri. Chi immagina che si possano risolvere criticità come la carenza di personale semplicemente con un blitz nei corridoi o lanciando inutili ed inspiegabili allarmi di chiusura, sta contribuendo solo a generare nei cittadini ulteriore sfiducia verso una struttura sanitaria, come il ‘Santa Scolastica’, dove tutti stanno lavorando al massimo per garantire servizi di eccellenza e di qualità”. Lo ha dichiarato in una nota Mario Abbruzzese, presidente del Consiglio regionale del Lazio.

“Mi preme ribadire – ha aggiunto Abbruzzese – che i due reparti in questione non sono assolutamente a rischio chiusura. Questa mattina ho ricevuto ampie rassicurazioni in tal senso dal direttore generale della Asl, Carlo Mirabella, il quale mi ha ribadito che non vi sarà nessun ‘buco’ ad Ortopedia dovuto al trasferimento di un medico.

Poi, mi era apparso quantomeno bizzarro che il primario di Pediatria, il dottor Sergio Torriero, persona che conosco e stimo, si fosse prestato a questo ‘giochetto’ messo in piedi da chi, purtroppo, continua a far finta di non sapere quanto il Commissario alla Sanità, Renata Polverini, stia facendo per risollevare le sorti della sanità laziale. Agli inizi di gennaio, infatti, ho avuto modo di visitare il reparto assieme al primario ed ho constatato di persona quale eccellenza rappresenti Pediatria per Cassino e per tutto il comprensorio.

E’ dunque da irresponsabili lanciare allarmi simili, pur sapendo che si è lasciato gravare sulle spalle dei cittadini laziali un deficit di 10 miliardi di euro negli ultimi anni, determinando solo nel 2009 un disavanzo strutturale di circa 1 miliardo e 600 milioni di euro.

In tema di sanità è ora che tutti comprendano fino in fondo che i problemi non si risolvono generando infondate paure nei cittadini, come è stato fatto in questi giorni a Cassino, ma lavorando sulla riorganizzazione di un servizio primario, che sia competitivo ed efficiente e portando avanti una dura lotta agli sprechi.

La giunta Polverini – ha concluso Abbruzzese – sta viaggiando in questa direzione, cercando diconservare la qualità dell’offerta sanitaria, e nel contempo riducendo il deficit di 400 milioni di euro”.

Menu