21 dicembre 2014 redazione@ciociaria24.net

Sale sull’auto di un 80enne al semaforo: «Ciao, sono Francesca, ti ricordi di me?»

Ultraottantenne al semaforo importunato da una donna. Lei tenta l'approccio, probabilmente per derubarlo, ma viene cacciata.

Come pubblicato oggi dal quotidiano Il Nuovogiorno, in un articolo a firma di f.d.n.: “Era diretto in zona stazione a Castrocielo. Si trovava fermo al semaforo sulla Casilina, al bivio con Pontecorvo, in attesa che scattasse il verde. Dietro la sua auto una fila di mezzi. E di fronte una giovane a piedi. È bastata una frazione di secondi e l’uomo, un ultraottantenne di Castrocielo, ieri mattina, si è visto letteralmente piombare in auto la giovane che aperta la portiera si è seduta e ha detto: «Ciao, sono Francesca, ti ricordi di me?».

Davvero poco chiare le motivazioni con le quali la giovane donna si è intrufolata in quella vettura. L’uomo non ha capito se quell’incursione era diretta a mettere a segno un furto approfittando della non più giovane età della sua potenziale vittima oppure se invece intendeva, ingenuamente, chiedere un passaggio o magari se sperava di sedurre l’anziano per portare a compimento altro tipo di obiettivi.

Di fatto l’automobilista ultraottantenne, per niente intenzionato a cercare di capire quale fossero le ragioni per le quali quella ragazza si era introdotta nella sua vettura, si è sentito importunato, e non ha esitato a rispondere a tono. «Scendi o chiamo i carabinieri». Tra i due sarebbe nato un alterco che ha incuriosito anche gli altri passanti e di fronte alla minaccia di far intervenire i militari la molestatrice ha pensato bene di darsela a gambe.

Una sequenza di avvenimenti ai quali hanno assistito attoniti gli altri automobilisti per niente interessati a superare quel semaforo che, intanto, da rosso era diventato verde e nuovamente rosso. Troppo singolare la situazione. Ma l’anziano, pronto ed estremamente reattivo, è stato in grado di liberarsi velocemente di quell’intrusa in quanto ha supposto che si trattasse di un maldestro tentativo di mettere a segno un colpo”.

Menu