mercoledì 10 giugno 2015

Polizia e Gdf sventano truffa da 1.2 milioni architettata da due imprenditori del cassinate

Una truffa milionaria nei confronti delle società concessionarie di video lottery. E’ questo l’obiettivo che si erano prefissati 2 cassinati di 57 e 41 anni, titolari rispettivamente di una società e di una ditta individuale che gestivano ben tre sale giochi di cui una nella città martire, una in Ausonia e la terza a Cervaro. Le indagini sono state eseguite, in stretta sinergia con la Polizia di Stato ed il Gruppo della Guardia di Finanza di Cassino, coordinati dalla locale Procura della Repubblica.

Le investigazioni prendono le mosse da un volume anomalo di giocate e di emissione di ticket vincenti rilevato nelle sale scommesse oggetto di indagine e da una denuncia sporta dalla concessionaria: una società emiliana, regolarmente autorizzata dall’Amministrazione dei Monopoli di Stato, preoccupata della non autenticità di alcune richieste di rimborso di ticket che gli erano pervenute dai soggetti cassinati.

Più in particolare era avvenuto che inserendo nelle video lottery quantitativi di denaro contante, successivamente estratto dagli stessi gestori dalle cassette di sicurezza inserite nelle macchinette, si determinavano crediti per l’esercente riscuotibili attraverso l’emissione di appositi ticket i quali, una volta raggiunto l’importo complessivo di 5.000 euro, potevano essere posti all’incasso dall’esercente presso la società concessionaria.

Poiché i gestori avevano chiesto, nel tempo, il rimborso di ticket per importi milionari, sono scattate le indagini e la denuncia della concessionaria. Guardia di Finanza e Polizia di Stato hanno immediatamente messo a sistema le rispettive informazioni e sono scattate numerose perquisizioni che hanno interessato le società di gestione delle sale giochi del Cassinate, le stesse sale giochi ed anche le abitazioni dei titolari.

È stata rinvenuta e sottoposta a sequestro copiosa documentazione comprovante l’ingente truffa posta in essere dai responsabili, tra cui circa 200 ticket, che saranno oggetto di successive indagini a cura del Gruppo della Guardia di Finanza e del Commissariato P.S. di Cassino. I soggetti investigati sono stati denunciati all’A.G. di Cassino per truffa aggravata e ricettazione.

Ti potrebbe interessare
Posturale individuale a Roma: la migliore l'abbiamo provata noi

Posturale individuale Roma - La posturale individuale è diffusissima a Roma. Ma quale scegliere? A chi e dove rivolgersi? Come fare per evitare di perdere ...

Osteopatia: a Roma trovi mani magiche

Osteopatia Roma - Avvalersi del solo ausilio delle proprie mani per visitare ed emettere diagnosi: possibile? Certo che sì, con l'osteopatia! L’importante è ...

Devi sottoporti ad un intervento in artroscopia di spalla? A Roma c’è la soluzione adatta a te

Artroscopia spalla Roma - Una lesione alla cuffia dei rotatori comporta l'insorgere di vari problemi. A parte fastidi e dolori, bisogna mettere in conto ...

Pagine fan penalizzate dal nuovo algoritmo Facebook? Passate ai gruppi! Ecco come

Facebook - Come sanno gli internauti più esperti, “Zuck”, alias Mark Zuckerberg, ovvero l’Amministratore delegato di Facebook Inc., colosso mondiale dei ...