Piano Casa a Cassino, la maggioranza si spacca

Il piano casa crea fibrillazioni nella maggioranza di centrosinistra a Cassino. Entro il 31 gennaio va presentato in Regione. Ma intanto si litiga nel palazzo comunale della Città Martire. Da una parte c’è l’Udc con la propria posizione: no limitazioni edificatorie. Dall’altra si fa a gara tra SeL, Idv e Fds per dichiararsi contrari ai cambi di destinazione d’uso. Per evitare dunque la trasformazione di capannoni artigianali o industriali in civili abitazioni. Sull’impasse piano casa la maggioranza del sindaco Golini Petrarcone (Idv) a quanto pare non ha trovato la sintesi martedì 3 gennaio. Le parti si rincontreranno lunedì 9 gennaio in un nuovo summit ma l’Udc non sembra intenzionato a mollare d’un centimetro la posizione presa in linea con la legge regionale promossa dall’assessore centrista Ciocchetti, ossia l’ok agli ampliamenti delle abitazioni e ai cambi d’uso per venire incontro alle esigenze delle famiglie.

Menu