Petrarcone in Pennsylvania: resoconto del viaggio del sindaco di Cassino [FOTO]

Importante conferma dell'impegno preso dai Polacchi d'America nei confronti della Città Martire

“Un grande onore aver partecipato a questo viaggio durante il quale abbiamo avuto l’ennesima riprova di quanto i veterani Polacchi d’America siano legati a Montecassino ed alla storia della nostra città.” A dichiararlo il sindaco di Cassino di ritorno dalla Pennsylvania dove è stato ospite dell’Associazione Veterani Polacchi d’America, prendendo parte a diverse cerimonie – che si sono svolte tra Manhattan, Doylestown (Czestochowa americana) e Jersey City – per celebrare il settantesimo anniversario della battaglia di Montecassino e della Rivolta di Varsavia.

“Se Cassino oggi è nota nel mondo come Città della Pace – ha continuato il sindaco – lo dobbiamo anche ai 1052 soldati polacchi che 70 anni fa sacrificarono la propria vita nella celebre battaglia di Montecassino. Un sacrificio ricordato anche in questi giorni con molte cerimonie organizzate dall’Associazione Polacchi d’America che lo scorso mese di maggio è stata ospite a Cassino durante le tante manifestazioni che si sono svolte in occasione del Settantesimo anniversario della distruzione della città e dell’Abbazia di Montecassino.

Proprio in quella circostanza i Polacchi d’America mostrarono grande interesse all’eventuale ristrutturazione della ex colonia solare, che si trova sulla strada di Montecassino, per trasformarla in un luogo in cui accogliere i tanti scout e turisti polacchi che ogni anno si recano in visita in Abbazia e al cimitero militare polacco. Il viaggio in America è stata l’occasione per affrontare in maniera più approfondita la questione con i rappresentanti della numerosa comunità polacca con i quali, grazie all’apporto di un nostro tecnico comunale, abbiamo esaminato i dettagli della ristrutturazione. L’ex colonia solare, oggi in disuso necessita, infatti, di un adeguato parcheggio e di interventi strutturai per la messa in sicurezza. Con piacere abbiamo avuto conferma della volontà da parte della comunità polacca di farsi carico di questi lavori ed ora rimaniamo in attesa che presentino il progetto per stabilire in un altro futuro sopralluogo tutti i dettagli dell’intera opera. L’auspicio ovviamente è che l’interesse manifestato anche in questa circostanza si concretizzi in una gestione che possa rendere la colonia solare una struttura ricettiva in grado di ospitare turisti, scout e veterani polacchi, contribuendo in maniera fattiva ad incrementare il turismo nel nostro territorio.”

Menu