venerdì 17 agosto 2012 redazione@cassino24.it

Muore la madre ma continua a percepire la sua pensione, Carabinieri lo denunciano per truffa ai danni dello Stato

Nella mattinata odierna, i Carabinieri della Stazione di Roccasecca, a conclusione di attività info-investigativa, hanno deferito in stato di libertà un 63enne cittadino israeliano, domiciliato in Roccasecca, poiché resosi responsabile del reato di “truffa aggravata continuata a danno dello Stato”.

Le risultanze investigative dei militari operanti hanno consentito di accertare che l’uomo, al fine di riscuotere indebitamente la pensione di euro 600,00 mensili elargita dall’INPS alla di lui madre, ometteva di denunciare, in Italia, il decesso della stessa avvenuta in Israele il 3 febbraio 2009.

Dalle verifiche effettuate presso l’INPS emergeva che il predetto fino ad ora ha percepito illegittimamente circa 25.000,00 euro. Il conto corrente bancario della defunta è stato sottoposto a sequestro.

 

Nella decorsa notte, i militari della Compagnia di Pontecorvo, fattivamente collaborati da personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Frosinone, nel corso di un servizio coordinato a largo raggio, finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati predatori ed alla captazione di soggetti di interesse operativo, conseguivano i seguenti risultati:

– mezzi controllati n. 72:

– persone identificate n. 119;

– violazioni al codice della strada accertate n. 6.

Nel medesimo contesto, veniva:

– accertato  l’impiego  di   un lavoratore,  non  regolarmente  assunto,  presso  un ristorante sito nel Comune di  Pignataro Interamna. A seguito degli accertamenti veniva emesso provvedimento di sospensione dell’attività’ commerciale;

– notificato l’avvio del procedimento amministrativo finalizzato alla emissione del foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel comune di Castrocielo, nei confronti di un 61enne residente in Cervaro ed un 65enne residente a Cassino;

– ritirato  il  documento  di guida ad un 60enne residente in Roccasecca poiché controllato mentre era alla guida della propria autovettura e sottoposto ad accertamento etilometrico, risultava avere un tasso alcolemico superiore a quello consentito dalla legge.

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA