27 gennaio 2012 redazione@ciociaria24.net

Intervento congiunto delle forze dell’ordine, termina a Cassino il blocco dei tir. Boccata d’ossigeno per la Fiat

Un intervento congiunto di Polizia e Carabinieri ha messo fine all’agitazione dei camionisti sul casello dell’A1 di Cassino. Determinante l’arrivo della celere sul posto, nei pressi di un noto ristorante a pochi passi dal casello, punto di ritrovo dei camionisti trasformato per l’occasione dai manifestanti nel cuore nevralgico della serrata. Autisti e piccoli padroncini alla vista dei caschi blu con gli scudi trasparenti hanno deciso di sospendere l’agitazione, allontanandosi dal ristorante a bordo dei loro tir. Il blocco di Cassino strategicamente era il più importante tra quelli messi in atto dai camionisti in provincia, basti pensare che la serrata cassinate ha di fatto stoppato per quattro giorni di fila la produzione della fabbrica Fiat di Piedimonte San Germano. Poi è arrivato il pugno duro del Prefetto di Frosinone; ma i manifestanti hanno sottolineato che non rinunciano alle loro idee, ritenendo legittimi i motivi della  protesta.

Menu