lunedì 25 novembre 2013

IMMIGRAZIONE: impegno concreto del Comune di Cassino anche attraverso sportello ad hoc

“Credo che, oltre tutti gli aspetti documentati egregiamente ed in maniera scrupolosa questa mattina, vanno segnalate anche le attività complete che, nonostante le poche risorse a disposizione si stanno portando avanti in città sul tema dell’immigrazione.” A dichiararlo è stato l’assessore all’istruzione del Comune di Cassino, Danilo Grossi, nel corso dell’incontro organizzato all’Aula Paucis dall’Università degli Studi di Cassino in cui è stato presentato il rapporto sull’immigrazione relativo all’anno 2013. “L’immigrazione – ha continuato Grossi – spesso in Italia è vissuta con molta ipocrisia, nel senso che è un tema di cui si discute quasi esclusivamente a seguito di grandi tragedie come avvenuto nel caso di Lampedusa. Ecco perché nel fare i complimenti agli organizzatori di questa giornata mi preme sottolineare l’importanza di discutere questo tipo di problematiche quotidianamente in modo da riuscire a trovare le migliori soluzioni per fornire risposte concrete. È quello che come Amministrazione stiamo facendo già da diverso tempo grazie alla proficua collaborazione con diverse realtà del territorio che si occupano del fenomeno. Oltre all’Università mi riferisco ad Exodus o a Ethica con cui anche in passato abbiamo collaborato e lavorato; ricordo ad esempio la tre giorni di ‘Cassino Ethica’ lo scorso anno che ha fornito l’occasione, forse per la prima volta in città, di affrontare il tema dell’immigrazione a 360 gradi sia con un supporto tecnico che pratico. Oltre questo voglio ricordare anche il lavoro svolto nelle scuole, su sollecitazione di molte maestre, per favorire l’integrazione dei bambini immigrati la cui difficoltà principale all’inizio, come si può facilmente intuire è rappresentata dall’apprendimento della lingua italiana. Bene noi ci siamo attivati anche su questo facendo dei corsi per favorire l’integrazione attraverso un progetto che anche quest’anno è stato presentato in Regione di recente per evitare la dispersione scolastica, fornendo una risposta concreta che ci auguriamo possa diventare strutturale. Inoltre è con orgoglio che da qualche settimana abbiamo attivato lo sportello immigrazione, aperto il martedì e giovedì pomeriggio dalle 15.30 alle 18, che rappresenta un ausilio ed un sostegno costante per i tanti immigrati che sono a Cassino. Un servizio concreto ed importante come testimoniano i numeri relativi al primo mese di attività che hanno visto rivolgersi allo sportello tanti immigrati soprattutto per il rinnovo o l’aggiornamento del permesso di soggiorno necessario per trovare lavoro e regolarizzare la loro posizione nel nostro Paese. Ecco credo che questi tre esempi siano il miglior modo per far capire la necessità di un impegno fattivo che sia finalizzato all’integrazione ancor prima che alla discussione e noi vogliamo continuare ad impegnarci per fornire quei servizi necessari a rendere più facile la vita nel nostro Paese ai tanti immigrati che si trovano qui.” L’assessore alle politiche sociali, Stefania Di Russo, intervenuta questa mattina al convegno presso l’Aula Pacis ha aggiunto: “queste iniziative sono lodevoli e fanno capire quanto reale sia il problema dell’immigrazione in Italia. Come Comune noi abbiamo attivato una serie di servizi per favorire l’integrazione anche attraverso il banale disbrigo di pratiche e la compilazione dei moduli in lingua italiana. Detto questo sarebbe opportuno che il Governo giunga ad una legge che regoli questo fenomeno. Magari con la stessa celerità che ha avuto nel caso della normativa contro la violenza sulle donne, trasformando in soli due mesi in legge il decreto presentato lo scorso 14 agosto. Ci aspettiamo altrettanto per quanto concerne l’immigrazione attraverso la ratifica di una legge che non sia eccessivamente restrittiva e che venga seguita anche da un cambio di indirizzo nell’investimento dei fondi per l’immigrazione, destinandoli all’accoglienza piuttosto che al rimpatrio.”

PUBBLIREDAZIONALE - Un punto di riferimento per chi è in cerca di assistenti familiari/badanti. La sede è a Sora in viale S. Domenico n.1

PUBBLIREDAZIONALE - Un lavoro costante ed equilibrato svolto per un periodo compreso tra le sei e le otto settimane è in genere ideale per poter recuperare le facoltà motorie e reimpossessarsi della propria quotidianità.