giovedì 28 novembre 2013

“IL DIALETTO RESTA LA LINGUA DEL CUORE”

“In una società in cui la globalizzazione regna sovrana e le comunicazioni avvengono via internet o sms, parlare di dialetto può sembrare anacronistico. Eppure il dialetto, resta la lingua del cuore”. Marino Fardelli, consigliere regionale del Lazio, inizia così il suo intervento alla presentazione del libro “Lingua e dialetto tra l’Italia centrale e l’Italia Meridionale”, scritto da Fransco Avolio. “Un plauso al Comune di Colfelice, al sindaco prof. Bernardo Donfrancesco e a tutti gli altri illustri ospiti per aver promosso la divulgazione del libro, uno scrigno attraverso il quale conservare un dialetto che rappresenta la nostra etichetta, una sorta di carta d’identità del nostro territorio” ha detto l’on.le Fardelli.

L’autore ripercorre la grammatica, la storia e i vari aspetti dei dialetti della Media Valle del Liri e delle zone limitrofe, raccogliendo un vasto patrimonio di informazioni. “Il dialetto fa parte del nostro bagaglio culturale, ci distingue, ci identifica e ci colloca in un preciso punto del nostro Paese” ha affermato l’on.le Fardelli. Ed infatti l’Italia rappresenta la nazione europea più ricca di dialetti e dove fino a pochi decenni fa la maggior parte della popolazione sapeva solo parlare il dialetto e non conosceva l’italiano. Anzi, perfino l’italiano stesso non era che uno dei tanti dialetti parlati in Italia che seppur con mille sfaccettature diverse, è stata la lingua della guerra che 70anni fa ha colpito il nostro territorio.

“La provincia di Frosinone è ricca di dialetti che si identificano tra loro per zone e che a distanza di poche centinaia di metri, da un piccolo centro all’altro, cambiano struttura, significati, pronuncia – ha dichiarato il consigliere regionale Marino Fardelli. Cambiano in maniera sorprendente nella cadenza, nell’apertura e chiusura delle vocali, assumendo aspetti diversi pur se la distanza geografica è veramente minima. Al dialetto basta una sola parola per esprimere i pensieri, i sentimenti, gli stati d’animo. Questa è l’ulteriore straordinarietà. Amarlo, usarlo nel nostro quotidiano, insegnarlo alle future generazioni e conservarlo in un libro, significa amare noi stessi, le nostre radici, la nostra storia, la nostra unicità. A noi giovani e maturi il ruolo di conservare questo tesoro linguistico per non dimenticare perché senza memoria non c’è futuro” ha concluso il consigliere regionale Marino Fardelli.

Via al bando per 153 farmacie nel Lazio: sono in tutte le province
21 ore fa

THESTARTUPPER.IT - Un concorso pubblico straordinario per l'assegnazione di 153 farmacie nel Lazio: 11 nella provincia di Frosinone, 13 nella provincia di Latina, 118 a Roma, 8 ...

Presunti brogli elettorali, l'indagato diventa super testimone e 'vuota il sacco' (foto)
7 ore fa

FROSINONE TODAY - Non ha voluto indossare lo scomodo abito del 'parafulmine'. Per questo ha chiesto ed ottenuto di essere interrogato dal magistrato ...

Paura in un B&B del capoluogo, volto coperto entrano in una stanza e si fanno dare i soldi
23 ore fa

FROSINONE TODAY - Rapina in un bed and breakfast ubicato all'uscita dell'autostrada in territorio di Frosinone. Il bottino avrebbe fruttato  poche centinaia ...