giovedì 26 luglio 2012

Il consigliere provinciale ANTONIO SALVATI: “Anche il recente dispositivo del Tar sugli impianti di Cassino rileva la ragione della Provincia nella vicenda Acea”

“Le recenti decisioni della magistratura in merito a importanti questioni riguardanti il rapporto tra il gestore idrico Acea Ato5 Spa e l’Aato della nostra provincia, rivestono una particolare rilevanza che deve essere approfonditamente considerata.

La sospensione, da parte del Giudice istruttore, del decreto ingiuntivo proposto da Acea per un ammontare di circa 15 milioni di euro e il riconoscimento, nello stesso dispositivo, della consistente situazione creditoria dell’Aato nei confronti del Gestore idrico, è fatto molto rilevante. Lo stesso si dica della sentenza emessa ieri dal Tar di Latina (r.g. 215/2012) che stabilisce l’assenza di ogni responsabilità di AATO 5, in merito alla questione degli impianti di Cassino.

Il medesimo dispositivo rileva l’intempestività del ricorso contro Aato5 e dichiara la conseguente estraneità della Provincia di Frosinone rispetto alla vicenda. Acea, infatti aveva chiesto il riconoscimento dell’inadempimento anche di Aato 5 insieme al Comune di Cassino, ciascuna per quanto di competenza, dell’obbligo di provvedere all’integrale consegna delle opere, dei beni e degli impianti pertinenti nel territorio comunale di Cassino. Deve essere sottolineato, dunque, come ancora una volta la difesa tecnica dell’avvocato Gemma ha messo in risalto come la gestione del Presidente Iannarilli dell’intricata vicenda Acea, risulti regolare e, in una ormai lunga serie di sentenze e dispositivi, viene ritenuta dai vari organi di giustizia estranea ai presunti inadempimenti lamentati dal gestore idrico.

In questa situazione di tutta evidenza, nella quale la battaglia di Iannarilli e della nostra maggioranza per affermare il diritto della cittadinanza al rispetto del contratto per la gestione idrica, non posso fare a meno di stigmatizzare come i sindaci di centrosinistra continuino, in sostanza, a fare politica e a concentrare i loro sforzi più per discreditare, inutilmente, l’operato di Iannarilli che per agire contro i disservizi del gestore che creano tanti disagi ai nostri concittadini”.

E’ quanto dichiara il Consigliere provinciale Antonio Salvati

PUBBLIREDAZIONALE - Un punto di riferimento per chi è in cerca di assistenti familiari/badanti. La sede è a Sora in viale S. Domenico n.1

PUBBLIREDAZIONALE - Un lavoro costante ed equilibrato svolto per un periodo compreso tra le sei e le otto settimane è in genere ideale per poter recuperare le facoltà motorie e reimpossessarsi della propria quotidianità.