Fiat Cassino: un risultato senza precedenti in Italia

“La firma dell’accordo che ieri ha consentito di prorogare la cassa integrazione straordinaria per gli operai dello stabilimento Fiat di Cassino fino a maggio 2016 è un fatto importante che, per le modalità con cui si è articolato, non ha precedenti in Italia. Per la prima volta infatti tutte le sigle sindacali, compresa la Fiom, hanno interloquito con la Fiat, sedendo intorno ad un tavolo che la Regione ha voluto fosse convocato in modo unitario. Una scelta che abbiamo, come Sinistra Ecologia Libertà, più volte richiesto e auspicato per uscire da una impasse a tutto svantaggio dei lavoratori.” A dichiararlo sono Giancarlo Torricelli e Gaetano Capuano, rispettivamente coordinatore e responsabile organizzazione di Sel Lazio.

“Ieri quindi – proseguono i due esponenti di Sel- con la firma da parte di tutti gli attori in campo si è conseguita una vittoria, soprattutto per i lavoratori e per il tessuto produttivo del territorio laziale, ma anche per la politica che ha saputo farsi garante di una trattativa assai complicata. Non è infatti secondario che l’Assessore al Lavoro, Lucia Valente, abbia voluto garantire la sua presenza al confronto dal primo minuto, fino alla fine, a dimostrazione di un’attenzione particolare sulla situazione.

Un risultato di grande importanza – concludono- reso possibile, da un lato dal protagonismo istituzionale, dall’altro da un piano di ristrutturazione credibile presentato da Fiat, per un reale rilancio dell’azienda e per una riorganizzazione che garantisce la salvaguardia dei livelli occupazionali. A questo si unisce un altro elemento qualificante che è quello relativo alla verifica di coloro che a rotazione andranno in cassa integrazione, affidato alle Rsa, comprendendo quindi anche la Fiom. Uno spirito ancora una volta inclusivo, non scontato, ma che da sempre sosteniamo per una reale rappresentanza democratica del mondo del lavoro.”

Menu