Evangelista e Picano (Scelta Civica): “Uguali tasse e uguali diritti per tutti”

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota stampa a firma dei Consiglieri Evangelista e Picano

Da anni il costo dell’acqua è il doppio per i cittadini delle frazioni (Sant’Angelo, Caira, Sant’Antonino e San Michele) rispetto agli abitanti del centro della città. I consiglieri comunali di Scelta Civica Franco Evangelista e Gabriele Picano nel consiglio comunale del 22 aprile 2013 hanno chiesto al Sindaco di prendere provvedimenti affinché il costo dell’acqua sia uguale per tutti.

Ora che il Consiglio di Stato, con sentenza del 3 maggio 2013, si è pronunciato favorevolmente al Comune che può continuare a gestire l’acquedotto di sua proprietà, l’amministrazione deve provvedere immediatamente al ripristino della gestione pubblica delle utenze anche nelle frazioni. Nelle more della battaglia, per la risoluzione del contratto d’ambito con Acea Ato 5 nelle periferie, chiediamo a garanzia dell’uguaglianza dei cittadini la possibilità di ricorrere a sgravi fiscali su altre tasse che i cittadini delle periferie pagano al Comune, come ad esempio la Tarsu. La palese disparità di trattamento infatti, va contro l’art. 3 della Costituzione che recita: “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge”, contro l’art. 3 dello Statuto comunale afferma che: “il Comune rappresenta e cura unitariamente gli interessi della propria comunità. Contro l’art. 88 del Decreto Legislativo 31-3-98 n.112 prevede che il Governo provveda alla definizione di meccanismi ed istituti di conguaglio a livello di bacino ai fini del riequilibrio tariffario.

Nel caso in cui ciò non avvenga in tempi brevi i consiglieri Evangelista e Picano sono decisi al ricorrere al Tribunale per veder riconosciuta a tutti i cittadini la parità dei diritti, anche mediante un’azione collettiva (class-action) di tutti gli utenti.

Menu