Enzo Di Stefano presidente Ater: “Un incontro per nuovi locali del Tribunale di Cassino”

Si è tenuto nella mattinata di Lunedì 8 Ottobre, presso il Comune di Cassino, un incontro tra il sindaco Petrarcone ed il presidente dell’Ater Enzo Di Stefano. Presenti anche l’On. Anna Teresa Fromisano, il direttore generale dell’Azienda Giuseppe Tedesco ed il membro del Cda Tommaso Marrocco. Tema dell’incontro, l’ipotesi di utilizzare un edificio nel territorio comunale dove allestire alcuni nuovi uffici del Tribunale di Cassino.

“Insieme al sindaco Petrarcone e all’On. Formisano – dice Di Stefano – l’Ater di Frosinone ha affermato la volontà di valorizzare il patrimonio del Tribunale di Cassino, la cui funzione deve essere rafforzata e resa sempre più idonea a rispondere alle istanze di tutto il territorio. Il sindaco Petrarcone ha evidenziato, in seguito alla razionalizzazione e all’accorpamento di diversi uffici giudiziari, la necessità di dotare il Tribunale di nuovi locali da utilizzare nell’esercizio della propria insostituibile attività. A tal proposito, la soluzione ideale potrebbe essere rappresentata dal fabbricato che attualmente ospita l’istituto scolastico ‘Diamare’, che è parso idoneo sia dal punto di vista della posizione che della grandezza.

Il percorso che l’Ater ha proposto all’amministrazione – spiega Di Stefano – è quello di un trasferimento temporaneo di tale struttura all’Azienda, che provvederà a sua volta a programmare e realizzare tutti i lavori di ristrutturazione e riqualificazione necessari all’attivazione degli uffici aggiuntivi. Al termine di questo periodo di tempo, la cui durata e le cui condizioni verranno stabilite tramite appositi atti, il Comune potrà rientrare in possesso dell’immobile e disporne secondo la propria volontà. Crediamo si tratti di una grande opportunità, a costi calmierati che con il tempo verranno praticamente azzerati, che permetterebbe al Tribunale di assorbire senza traumi gli uffici ad esso accorpati, contribuendo a rendere Cassino un importante punto di riferimento per tutto il Centro Sud.

L’auspicio dell’Ater – conclude Di Stefano – è che presto l’amministrazione comunale possa dotarsi di un atto deliberativo che affermi questa volontà, in modo da poter dare il via ufficiale alla progettazione”.

Menu