sabato 7 settembre 2013

Di Nota: “Dopo Mirafiori, la Fiat indichi il piano di produzione per Piedimonte San Germano”

“La notizia dell’accordo tra Marchionne e i sindacati che prevede l’investimento da parte di Fiat Auto di una cifra pari ad un miliardo di euro per lo stabilimento di Mirafiori è certamente positiva. Apre un spiraglio e una speranza di futuro: significa che l’azienda vuole continuare a investire in Italia.
Ora, però, oltre a Mirafiori, occorrerebbe che la Fiat facesse i dovuti annunci anche per gli altri stabilimenti, tra i quali certamente quello Piedimonte San Germano.
Se a Mirafiori si costruiranno Suv Maserati per il mercato internazionale, vogliamo capire cosa si produrrà a Piedimonte, dove ci sono tutte le condizioni ottimali per rendere centrale lo stabilimento nel piano di rilancio di Fiat auto.
Ho già evidenziato come sia un dovere morale per Fiat investire e produrre nel nostro paese. Ora è il momento di passare dalle parole ai fatti.
Per cui dopo l’annuncio su Mirafiori, attendiamo stesse positività per tutti gli altri stabilimenti d’Italia, in particolare attendiamo che vengano chiariti con la stessa celerità i piani di investimento anche per Piedimonte San Germano”
Antonio Di Nota – Presidente Unione Cinquecittà

PUBBLIREDAZIONALE - Un lavoro costante ed equilibrato svolto per un periodo compreso tra le sei e le otto settimane è in genere ideale per poter recuperare le facoltà motorie e reimpossessarsi della propria quotidianità.

PUBBLIREDAZIONALE - Un punto di riferimento per chi è in cerca di assistenti familiari/badanti. La sede è a Sora in viale S. Domenico n.1