giovedì 12 gennaio 2012

Delitto Yara Gambirasio, la signora di Cassino sottoposta al test del DNA si difende a Chi l’ha visto: “Io che c’entro?”

“Non sono mai stata a Brembate in provincia di Bergamo, vivo a 800 chilometri di distanza, cosa c’entro con il delitto di Yara?”.  A dirlo durante un intervento nella nota trasmissione Rai “Chi l’ha visto” è la donna di Cassino sottoposta a esame del Dna nell’ambito delle indagini sull’omicidio di Yara Gambirasio. La donna, madre di tre figli, è difesa dall’avvocato Teresa Testa. Per gli investigatori il telefonino della cassinate agganciò una cella a Brembate il giorno della scomparsa della 13enne;  “il numero non è il suo, la signora è estranea all’assegnazione dell’utenza telefonica”, sottolinea il legale della donna di Cassino.

Ti potrebbe interessare
Crio compressione a Roma: di cosa parliamo, a chi serve e dove farla

Crio compressione Roma - La crio compressione è quel trattamento terapeutico che ci consente di ridurre edemi e infiammazioni di tessuti traumatizzati, attenuando il dolore ...

Ipertermia: a Roma è una risorsa, ecco perché

Ipertermia Roma - Quando si parla di ipertermia, a Roma ma anche altrove, subito ci si preoccupa, perché il problema è serio e può ...

Laser HILT: a Roma lo chiamano laser 2.0, ecco perché

Laser HILT Roma - Il Laser HILT è praticamente una laserterapia con emissione laser ad alta intensità. Del resto lo dice la parola stessa, HILT, ...

Come scrivere un annuncio pubblicitario efficace

Web Copywriting - Per un articolo pubblicitario il titolo e l’immagine di copertina sono essenziali. Per entrambi vale la stessa regola: punta ...