5 settembre 2013 redazione@ciociaria24.net

Comune di Aquino, limiti di velocità e posti di blocco della municipale

L’obiettivo è solo uno: fare prevenzione, garantendo una maggiore sicurezza sulle strade del territorio comunale di Aquino. In quest’ottica si inquadrano le nuove decisioni dell’amministrazione Mazzaroppi in tema di viabilità: da una parte la scelta di istituire dei posti di blocco della polizia municipale sulle vie più trafficate, dall’altra quella di abbassare a 40 Km orari il limite di velocità.

Sul primo fronte, i vigili urbani sono già a lavoro: dall’inizio di questa settimana le pattuglie stanno presidiando le strade dove si registra il traffico maggiore, a cominciare da Via Roma, Via Alessandro Manzoni e Via Selvotta. Il sindaco precisa che l’intenzione del Comune non è quella di multare i cittadini, ma di fare prevenzione: “speriamo che una presenza ancora più costante della polizia municipale sul territorio comunale, spinga i cittadini a rispettare maggiormente le regole del codice della strada. Per noi, ciò significa garantire la loro sicurezza.” In realtà il capillare monitoraggio del territorio ha anche un altro obiettivo: quello di scoraggiare i residenti di altri comuni limitrofi dal gettare i rifiuti nei cassonetti di Aquino. Un fenomeno in costante crescita e per il quale l’amministrazione ha già preso dei provvedimenti, stabilendo anche delle sanzioni piuttosto severe.

Ma sempre in tema di sicurezza stradale, ci sono altre novità: il responsabile dell’ufficio tecnico comunale, eseguendo delle direttive del sindaco, ha stabilito che il limite di velocità sulle strade cittadine sia abbassato a 40 Km orari. Nei casi in cui sia già più basso naturalmente non cambia nulla. L’ordinanza stabilisce che venga adeguata la segnaletica stradale. Anche in questo caso l’obiettivo è duplice: più sicurezza ma anche meno spese per le casse comunali. Troppo spesso infatti ci sono richieste di risarcimento danni a causa delle condizioni delle strade: l’amministrazione per questo motivo ha già provveduto a riparare tutte le buche, ma vuole tutelarsi ulteriormente. Fare danni alle auto se si rispetta il limite di velocità di 40 km orari è piuttosto complicato: l’ordinanza quindi rappresenta una strumento in più per evitare sprechi di soldi pubblici.

Menu