Cassino: un paio di manette vere per il falso “Ispettore De Santis”

I carabinieri del NORM della Compagnia di Cassino hanno arrestato nella flagranza dei reati di “truffa aggravata, possesso e fabbricazione di documenti d’identificazione falsi” R.C., 50enne domiciliato a Taranto e già censito. L’uomo, recatosi presso un noto negozio di vendita di biciclette da corsa del luogo, dopo essersi presentato come “ispettore DE SANTIS” acquistava un gruppo elettronico per biciclette da corsa “Shimano Durace Elettrico” del valore di euro 1.700,00, pagando con un assegno di un Istituto di Credito non più operante ed esibendo, a garanzia, la propria carta d’identità.

All’acquisto della merce hanno assistito i militari della Compagnia di Cassino, messi in preallarme da quelli della Stazione di Roccasecca, già sulle tracce del sedicente Ispettore. I militari operanti hanno provveduto quindi a fermare all’uscita dal negozio il suddetto ispettore il quale, dopo aver declinato le vere generalità, è stato sottoposto a perquisizione e trovato in possesso di una carta d’identità esibita precedentemente al venditore, intestata ad un fantomatico “DE SANTIS”… di professione Pubblico ufficiale”, palesemente falsificata, nonché di due assegni in bianco e di un blocchetto di assegni contenente solo matrici, tutti riconducibili a Banche non più operanti.

Nel prosieguo delle indagini è stato accertato che l’uomo aveva effettuato, a gennaio 2015, un’analoga truffa presso un negozio di vendita biciclette da corsa sito in Venafro (IS), dove aveva acquistato due ruote per bici da corsa del valore di euro 1.200,00, pagandole con assegno risultato falso. Stante la flagranza, l’uomo è stato dichiarato in arresto e tradotto presso la Casa Circondariale di Cassino (si allega foto).

Menu