lunedì 26 settembre 2016

CASSINO – Sotto l’intimo, le pasticche. Arrestati zia e nipote

I Carabinieri di Cassino, in collaborazione con il personale della Polizia Penitenziaria della Casa Circondariale della Città Martire, hanno arrestato nella flagranza del reato di “detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio” due persone, zia e nipote, rispettivamente di 64 e 35 anni, residenti nella capitale.

Le stesse, nel corso di un colloquio con un proprio familiare detenuto presso la locale Casa Circondariale, sono state notate dal personale della Polizia Penitenziaria scambiarsi una serie di cenni d’intesa che lasciavano sospettare che stessero concordando la consegna di un qualcosa e che ciò sarebbe avvenuto all’esterno del carcere, molto probabilmente presso l’Ospedale civile di Cassino dove il detenuto stava per essere trasferito per motivi di salute.

I militari operanti, avvertiti dell’accaduto, all’uscita dal carcere due persone menzionate le hanno pedinate per poi fermarle e sottoporle a perquisizione veicolare e personale. Addosso alla donna, nascosto nella biancheria intima, veniva rinvenuto un involucro contenente nr.61 compresse da grammi 0,1 cadauna e nr.28 compresse da grammi 0,4 cadauna, di un oppiaceo di sintesi verosimilmente “subutex” (si allega foto), molto probabilmente destinato al parente detenuto. Le persone arrestate, espletate le formalità di rito, sono state accompagnate agli arresti domiciliari.

PUBBLIREDAZIONALE - Un lavoro costante ed equilibrato svolto per un periodo compreso tra le sei e le otto settimane è in genere ideale per poter recuperare le facoltà motorie e reimpossessarsi della propria quotidianità.

PUBBLIREDAZIONALE - Un punto di riferimento per chi è in cerca di assistenti familiari/badanti. La sede è a Sora in viale S. Domenico n.1