lunedì 14 maggio 2012 redazione@cassino24.it

CASSINO – Piatta “LAZIO GIOVANI IN PROGRESS 2012”: siglato protoccollo d’intesa

Attraverso la sottoscrizione di un apposito Protocollo d’Intesa tra l’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale e la Presidenza del Consiglio Regionale del Lazio, si è dato avvio alla fase attuativa del Progetto denominato “Lazio Giovani in Progress 2012”, con l’obiettivo di costituire un servizio sia “fisico che telematico” volto ad offrire informazione, supporto, orientamento e formazione al mondo giovanile.

Ciò innanzitutto allo scopo di colmare il crescente divario tra le opportunità, le agevolazioni ed i servizi offerti dalle Istituzioni e la loro completa e reale fruibilità da parte dei giovani. La ratio ispiratrice sta nell’esigenza di creare, in tempi celeri, un contenitore (piattaforma) in grado di raccogliere tutto il vasto ventaglio di politiche adottate dal’UE, dallo Stato e dalla Regione Lazio, in favore dei giovani, vista e considerata la crescente situazione di disagio e disorientamento da un punto di vista occupazionale e sociale. L’idea di utilizzare spazi interni agli Atenei nasce dalla costatazione che l’Università rappresenta il più importante centro di aggregazione spontaneo dei giovani in età matura. Pertanto, attraverso la concessione di un’area dedicata, attraverso la prestazione di servizi erogati da giovani in favore di altri giovani, si mira a sensibilizzare l’attenzione sulla possibilità di fruire dei servizi offerti e quindi ridurre considerevolmente l’alienazione della gioventù rispetto ai repentini cambiamenti che vivono. Il Progetto prevede la realizzazione di tre Piattaforme dislocate rispettivamente al sud (Università di Cassino e del Lazio Meridionale), al centro (Roma – La Sapienza) e al nord (Viterbo – Tuscia) della Regione Lazio. Cassino dunque è stata individuata quale progetto pilota da esportare e diffondere sul territorio della Regione.  Tale  progetto è stato concepito all’interno delle Commissioni I – II – III del Forum Regionale per le politiche giovanili del Lazio, organo istituzionale che opera in seno al Consiglio Regionale e grazie alla sensibilità del presidente dell’Assemblea regionale, Mario Abbruzzese che la ha fortemente sostenuto.

“Voglio esprimere un plauso a questa iniziativa intrapresa dal Forum dei Giovani del Lazio – ha detto il presidente del Consiglio regionale, Mario Abbruzzese – che servirà ad accorciare le distanze e a favorire sinergie fra l’Istituzione accademica, la Regione, l’Europa e il mondo dei giovani. La politica, in un momento così difficile per l’economia e lo sviluppo del nostro Paese, ha il dovere di rafforzare il dialogo e la collaborazione con le nuove generazioni. Questo al fine di scongiurare il pericolo che i nostri ragazzi perdano ulteriormente entusiasmo, passione e fiducia nelle Istituzioni. Da tempo ci si lamentava di un Forum dei Giovani che non era in grado di rappresentare con vigore ed in maniera efficace le nuove leve della nostra Regione. Quindi, quello che è avvenuto oggi con la sottoscrizione di questo protocollo d’Intesa tra l’Ateneo di Cassino e il Consiglio Regionale, rappresenta dunque un primo passo verso la realizzazione di questo obiettivo. Il progetto ‘Lazio Giovani in Progress 2012’ vuole essere uno strumento che avrà il chiaro intento di offrire informazioni, orientamento e supporto alla formazione. Un primo importante risultato – ha concluso Abbruzzese –che dimostra la vicinanza della Regione Lazio al mondo giovanile e alle sue istanze”.

Adolfo Carlino, Presidente della Commissione I, Occupazione, Lavoro e Opportunità per i giovani, del Forum dei Giovani del Lazio. Come è nata l’idea di sviluppare questa iniziativa, senz’altro innovativa e priva di precedenti analoghi? “Soprattutto dalla necessità di dare un contributo reale alla crescita personale di tutti i giovani. In questo periodo di recessione, che determina una vera e propria crisi esistenziale per la stragrande maggioranza dei giovani, si è verificato che dopo un diploma o una laurea, anziché avere certezza del futuro, tantissimi si trovano in una situazione di stallo permanente perché il lavoro non c’è. Sono convinto che la ricetta non possa venire dall’alto. Sono i giovani stessi che devono reagire a questo stato di incertezza, affrontandolo  e creando situazioni che possano offrire nuove prospettive. Il Progetto Piattaforma nasce per questo motivo: dare la possibilità di ampliare le conoscenze offrendo supporto, orientamento e formazione a 360°. Ci tengo a sottolineare che attraverso la collaborazione attiva con le Università puntiamo infatti a ridurre drasticamente i costi del servizio, a concedere la possibilità a tanti laureandi di confrontarsi con il mondo del lavoro, aumentare la solidarietà tra i giovani e contestualmente promuovere sinergie tra Atenei, pubblica amministrazione e imprese. Al Presidente Abbruzzese e al Magnifico Rettore dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale un ringraziamento sincero, perchè hanno creduto e si sono adoperati per la realizzazione di questa iniziativa”.
Gianluca Pistore, Presidente della Commissione II, Start up, Innovazione  e Sviluppo Aziendale, del Forum dei Giovani del Lazio. Quali sono gli obiettivi di questo progetto ambizioso?

“Ciò che vediamo intorno a noi: strade, ferrovie, ponti telefonici e reti elettriche. Tutte opere che non sono state realizzate solo per il vantaggio del singolo, ma per quello di molti, di tutti noi. Lo spirito con il quale ho sostenuto questa iniziativa è quello di costruire una rete utile alle imprese ed ai giovani che vogliono fare impresa, che hanno idee e che cercano capitali per realizzarle. Abbiamo lavorato a questo progetto insieme perché vogliamo che in questo momento, così difficile da un punto di vista economico e sociale, le persone possano essere valorizzate grazie solo al fatto di operare insieme per raggiungere uno stesso obiettivo: condividere conoscenza, sapere, informazioni, valori. Ho l’ambizione di ritenere che mettere in rete il prodotto di questi rapporti potrà favorire la ripresa economica e sociale di questo paese. E con questo stesso spirito mi adopererò anche per sostenere tutte quelle associazioni che offrono servizi alle imprese e che hanno chiesto di poter partecipare al progetto, guardando insieme verso la stessa meta che è poi quella di far incontrare le idee con le competenze tecniche e con i capitali. Insieme, nella storia dell’umanità abbiamo compiuto passi da gigante. Insieme, risolleveremo la nostra società partendo dai valori umani e dalle idee. Quindi ringrazio chi ha saputo lavorare insieme e darci l’opportunità di realizzare questo progetto, parlo dell’On. Abbruzzese e del Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale”.

Luciano De Leo

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA