CASSINO – Massimo Wertmuller il 27 luglio al teatro romano

Ultima serata, venerdì 27 luglio al Teatro Romano di Cassino (Fr), per CassinoOFF Estate, la sezione estiva della rassegna di teatro civile che da aprile a oggi ha portato in città un teatro intelligente e di qualità. Organizzata dall’associazione CittàCultura (e diretta dalla giornalista dell’Unità Francesca De Sanctis), la rassegna fa parte del cartellone estivo di CassinoArte (promosso dal Comune di Cassino) e ha già ospitato lo scorso 20 luglio il monologo Me medesimo di e con Alessandro Benvenuti, che ha saputo regalare ai cittadini una serata divertentissima, dove l’ironia e la poesia sconfinavano nel flusso ininterrotto di un racconto che ha intrecciato perfettamente citazionioni colte a citazioni boccaccesche.

Venerdì 27 si prosegue con Massimo WertmullerAnna FerruzzoDomenico Ascione che porteranno in scena la lettura in musica Dal Risorgimento, un percorso letterario e narrativo, un viaggio a ritroso tra le testimonianze di molti uomini e di molte donne del Risorgimento Italiano. Insieme a Giuseppe Mazzini, Giovanni Verga o Margareth Fuller parleranno anche personaggi non necessariamente di primo piano, non tutti autorevoli e potenti ma capaci con la loro partecipazione, di fare del Risorgimento un movimento ampio, ricco, contraddittorio e ancora oggi straordinariamente affascinante. Il Risorgimento italiano è stato un periodo di grandi sconvolgimenti politici e sociali, gli stessi che hanno permesso all’Italia di realizzare nel XIX secolo il suo processo di unificazione. Un processo complesso, doloroso, ricco di contraddizioni e alimentato da valori e sensibilità forse molto lontane da quelle dei nostri tempi. Gli Articoli della nostra Costituzione,oggi ancora forti e insostituibili, scandiscono questo spettacolo. In scena due attori, con l’ausilio di un musicista, tentano di dar voce alle testimonianze a volte drammatiche ed epiche, a volte argute e dissacranti di alcuni protagonisti di questa importante pagina della storia italiana. Tentano di creare un affresco delle aspirazioni di Unità nazionale che hanno animato il Risorgimento, per rileggere alcune importanti pagine della nostra storia con uno sguardo quanto più possibile avulso da ridondanze. Tentano di riscoprire le antiche e sopite aspirazioni di eguaglianza, libertà e giustizia e raccontare i valori che sono, e che restano, il senso vero e profondo della così faticosamente raggiunta Unita d’Italia.

Un ruolo insolito per Massimo Wertmuller , abituato soprattutto al cinema e alla televisione.Dopo aver esordito in teatro nel 1976 con Luci di Bohéme, spettacolo presentato alla Biennale di Venezia, nel 1978 ha iniziato a frequentare il Laboratorio di esercitazioni sceniche di Gigi Proietti. Nello stesso anno ha debuttato sul grande schermo con il film La fine del mondo nel nostro solito letto in una notte piena di pioggia, diretto dalla zia Lina, che lo dirigerà anche in Scherzo del destino in agguato dietro l’angolo come un brigante da strada (1983) e Sotto.. sotto… strapazzato da anomala passione (1984), Notte d’estate con profilo greco, occhi a mandorla e odoredi basilico (1986), In una notte di chiaro di luna (1989) e nel televisivo Francesca e Nunziata (2001), andato in onda su Canale 5. Tra gli altri suoi ruoli in televisione, quello del commissario Giorgio Pettenella nella serie La squadra, andata in onda su Rai 3 e in replica su Rai Premium.

“In alcuni punti dello spettacolo – confessa Wertmuller – ancora oggi mi emoziono, mi commuovo. Forse perché per costruire quella creatura fragile, anche se bellissima, con cui ci presentiamo al mondo e che si chiama Italia, dei ragazzi(-ini) di 19 anni hanno dato la loro vita. E quei ragazzi ci passano davanti agli occhi spesso durante lo spettacolo. E ci raccontano che può essere sempre utile ricordarli in un’epoca in cui addirittura dei nostri governanti suggeriscono usi impropri e intimi da espletare con la nostra bandiera, e sputano sulla nostra Nazione”.

Media partner: il quotidiano l’Unità

Prevendita biglietti:

presso l’associazione culturale “CittàCultura”, piazza Marconi 13, Cassino

presso la Locanda D’Amore, via Ugo Foscolo, Cassino

presso la Tienda Solidal, via G.Leopardi, Cassino

presso Acai, via Fedele Calvosi 5, martedì pomeriggi, mercoledì e venerdì, Frosinone

presso edicola Pastenelle, Cervaro

Ingresso a spettacolo 10 euro

Info 339.8828241

Info: cittacultura@libero.it,

Facebbok: CittàCultura, pagina CassinoOFF

Menu