Cassino: l’incontro tra le tifoserie di Roma e Napoli è stato cancellato

“L’incontro tra le tifoserie ufficiali di Napoli e Roma previsto a Cassino sabato 6 settembre è stato cancellato.” A darne notizia il sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone, a seguito della decisione giunta nei giorni scorsi di annullare l’iniziativa proposta dai giornalisti Felice Cipriani, tifoso della Roma, e Mario Avagliano, tifoso del Napoli, con l’obiettivo di allentare le tensioni tra le due tifoserie dopo gli scontri dello scorso 3 maggio, in occasione della finale di Coppa Italia, che hanno determinato 52 giorni dopo la morte di Ciro Esposito.

“Dispiace constatare – ha continuato il sindaco – che anche in questa circostanza si è persa l’occasione per dare un segnale importante a tutto il mondo del calcio che è uno sport meraviglioso troppo spesso rovinato da episodi di violenza, di cui purtroppo si rendono protagonisti alcune frange estreme della varie tifoserie, che a volte, come avvenuto nel caso del povero Ciro, si traducono in vere e proprie tragedie. Realizzare questa forma di gemellaggio tra le due tifoserie a Cassino, nota nel mondo come città della pace, significava lanciare un messaggio distensivo ed allentare le tensioni; questo non è stato, almeno per il momento, possibile perché come ci è stato comunicato dagli organizzatori, nei giorni scorsi l’Airc (Associazione Italiana Roma Club), l’Ainc (Associazione Italiana Napoli Club) e l’Unione Tifosi Romanisti hanno manifestato perplessità sulla data, prospettando un rinvio, dal momento che – come si legge nel loro comunicato – ‘l’eco del fattaccio è ancora viva nei pensieri delle rispettive tifoserie’.

Nonostante ciò, vista l’importanza dei contenuti, noi tutti ci auguriamo che questa iniziativa si possa ugualmente realizzare in un futuro non troppo lontano.” Anche l’assessore Grossi è intervenuto sulla questione aggiungendo: “da parte nostra abbiamo accettato da subito con piacere l’idea dei giornalisti tifosi Cipriani ed Avagliano di ospitare a Cassino, i tifosi di Roma e Napoli perché convinti della bontà di una proposta, patrocinata anche dal Presidente del Coni Giovanni Malagò, che aveva e continua ad avere l’obiettivo di ricondurre il calcio a quei sani principi che ispirano, o quantomeno dovrebbero ispirare, ogni disciplina sportiva.

Tutto questo, per ora, purtroppo non è stato possibile per i motivi spiegati in precedenza. Non possiamo fare altro che esprimere rammarico per la cancellazione di questa lodevole iniziativa soprattutto perché sembra prevalere il timore di eventuali reazioni da parte delle frange estreme del tifo di Roma e Napoli sulla volontà di cercare un punto di incontro grazie ad un gemellaggio attraverso il quale lanciare un segnale forte e contribuire ad allentare la tensione che in questi ultimi mesi è cresciuta in maniera esponenziale.”

Di seguito si riporta la nota inviata dai promotori dell’iniziativa: “Abbiamo deciso di rinviare l’incontro delle tifoserie, previsto per il 6 settembre a Cassino, perché sarebbe divenuta una convention ridimensionata dal fatto che anche circoli e club di tifosi sarebbero intervenuti a livello non rappresentativo e che la sconfitta in Champions League del Napoli ha complicato ulteriormente le cose, perché di questa sconfitta la Roma ne ha tratto un vantaggio. D’intesa con l’assessore del comune di Cassino concorderemo una data, probabilmente anche il 6 settembre per un incontro che serva a predisporre un programma da realizzarsi sul tema dell’intolleranza e della violenza tra tifosi. Dispiace, hanno concordato Felice Cipriani e Mario Avagliano, che avevano proposto l’iniziativa, che non vi sia stata prontezza e sensibilità dei club nazionali dei tifosi delle due squadre a recepire la proposta. Fare l’incontro a Cassino per la data concordata avrebbe significato lanciare un messaggio importante, prima dell’inizio del campionato e dimostrare che vi sono tifosi che non ne possono più della violenza.”

Felice Cipriani e Mario Avagliano

Menu