giovedì 5 dicembre 2013

CASSINO – L’assemblea dei soci conferma la fiducia al Cda e al direttore generale del Cosilam

Una fiducia piena “senza se e senza ma” all’operato del Consiglio d’amministrazione e del direttore generale del Cosilam. Questo il dato fuoriuscito dall’assemblea dei soci del Consorzio che ha visto una partecipazione record con oltre il 78% dei soci. “La decisione di convocare questa assemblea – ha spiegato il presidente Giuseppe Golini Petrarcone – nasce dalla volontà di informare tutti sullo stato di salute del Cosilam e per verificare la fiducia da parte di soci. Questa seduta era stata convocata inizialmente per il 27 novembre, poi si è deciso di spostarla visto che alcuni Comuni avevano segnalato la propria indisponibilità a causa dei Consigli comunali già convocati”.

Il presidente del Consorzio ha voluto fare chiarezza su alcuni aspetti su cui si è detto “molto e in maniera errata”, iniziando dal prolungamento del contratto del direttore generale: “Nel Consiglio d’amministrazione ci siamo chiesti se fosse opportuno procedere ad un rinnovo del contratto per garantire, nell’interesse dell’Ente, una continuità gestionale necessaria non solo a preservare l’equilibrio strutturale, funzionale e relazionale, ma anche e soprattutto nell’ottica di un consolidamento delle attività, di durata pluriennale i cui frutti giungeranno a maturazione in una prospettiva di medio-lungo periodo, poste in essere dal Cda con l’ausilio delle competenze del direttore generale. Su questo stavamo ragionando e vogliamo continuare a ragionare nell’esclusivo interesse dell’Ente”.

E sui titoli del direttore ha aggiunto: “Il curriculum vitae del direttore ci aveva già convinto ad averlo a capo del Consorzio, ed è grazie alle sue azioni di management che oggi tanti progetti sono stati portati a termine. Tutto questo in un momento di forte criticità per il nostro territorio e di enorme difficoltà del Paese”.  Dopo l’introduzione del presidente si è discusso della situazione economica dell’Ente e il professor Raffaele Trequattrini, membro del Cda, ha spiegato che “il Cosilam si trova in una fase cruciale della propria esistenza e questo è dovuto a delle criticità economiche derivanti da servizi erogati a tariffe inferiori rispetto a quelle del mercato e a finanziamenti regionali erogati con eccessivo ritardo. Per garantire la crescita si è ritenuto di rivedere le tariffe, procedere al consolidamento del patrimonio e implementare nuove progettualità che possano garantire nuovi ricavi”. Per rimanere in tema economico si è affrontato anche un altro argomento finito spesso nell’occhio del ciclone: il compenso del direttore generale dell’Ente e gli assegni ‘ad personam’.

Ad illustrare nel dettaglio questi argomenti è stato il dottor Mariano Casano, consulente del lavoro del Cosilam, che ha sottolineato come il compenso del direttore generale sia notevolmente inferiore rispetto a quello previsto dal contratto nazionale per un direttore generale con rapporto di lavoro subordinato, ma non solo. Il consulente ha anche evidenziato che il compenso deve essere ulteriormente decurtato perché a suo carico ci sono anche gli stipendi delle due persone che fanno parte dello staff di direzione necessario a realizzare, tra l’altro, il progetto di censimento che l’Ente sta effettuando con visite nelle aziende. Una necessità ancora maggiore vista l’assenza di tre dipendenti per maternità.  Per quanto riguarda gli assegni ‘ad personam’, invece, il dottor Casano ha sottolineato che si tratta di un accordo sottoscritto dall’Ente con tre lavoratori dell’impianto di depurazione necessario per garantire la massima efficienza e il pronto intervento in tutte le ore del giorno e della notte a costi contenuti e più favorevoli per l’Ente. Infatti le somme erogate coprono totalmente ogni altro tipo di costo.

Molto atteso l’intervento del direttore generale del Cosilam Antonio Gargano che, oltre a illustrare nel dettaglio le opere realizzate e in fase di realizzazione, si è soffermato in particolare sulla necessità di definire il trasferimento del patrimonio dall’Asi al Cosilam: “Nel nostro territorio insistono beni che producono risorse cospicue pari a oltre 800 mila euro. Risorse che, però, non vengono reinvestite nel nostro territorio, ma bensì destinate all’area frusinate perché finiscono nelle casse del consorzio Asi. In tutti questi anni non si è riusciti ad arrivare ad una soluzione nonostante i tanti tentativi. Oggi si avverte la necessità di normare questa situazione divenuta insostenibile e non più accettabile. Per questo è stato chiesto l’inserimento di una norma specifica, nella legge di riordino dei consorzi industriali, in cui si chiarisca che tutte le opere ubicate su un territorio seguano i consorzi che hanno competenza sugli stessi”. Subito dopo gli interventi si è aperta la discussione al termine della quale è stata espressa a maggioranza, con una sola eccezione, la fiducia al consiglio d’amministrazione e al direttore generale affinché pongano in essere tutte le azioni necessarie per garantire quella indispensabile continuità gestionale dell’Ente.

Da Jolly Auto, concessionaria FCA del Gruppo Jolly Automobili, parte una fortissima azione di marketing in collaborazione con Leasys.

Cori da stadio in municipio: cade il governo M5S
16 ore fa

ALESSIO PORCU - Cade il III municipio della Capitale. Sfiduciata la mini sindaca del M5S. Cori da stadio. Da entrambi i fronti. ...

Sora - Studente morto, il feretro in viaggio verso la Sicilia
19 ore fa

LA PROVINCIA QUOTIDIANO - Nella serata di oggi la salma del 24enne Biagio Pace Orsocane, lo studente di Scienze Infermieristiche dell’Università Tor Vergata – ...

Scopre di avere un tumore ed il marito l'abbandona. Costretta a vivere con meno di 300 euro mensili e con due figli
6 ore fa

FROSINONE TODAY - Il marito se ne va di casa perchè la moglie, una donna di 44 anni, si era ...

Sora - Occupa una casa popolare, assolta 40enne
18 ore fa

LA PROVINCIA QUOTIDIANO - Il marito disoccupato, due figli minorenni. Un evidente stato di necessità dimostrato in aula, durante il processo. Una 40 enne di ...

Ancora pesanti disagi per i pendolari ciociari sulla Cassino - Roma
23 ore fa

FROSINONE TODAY - Nuovi disagi per i pendolari della provincia di Frosinone si sono registrati anche oggi, sulla tratta Cassino-Roma. L’associazione Codici ...

Inossidabile Fiesta: la piccola di casa Ford diventa grande
22 ore fa

AUTOSHOW24 - Stavolta ce n'è davvero per tutti, dai drivers basic a quelli più esigenti. La nuova Ford Fiesta si è presentata al ...

E tu che Tipo sei? Be Free o Be Free Plus?
1 giorno fa

AUTOSHOW24 - Jolly Auto, in collaborazione con Leasys, azienda leader europea nel noleggio a lungo termine, ha studiato una strepitosa formula rateale ...

Gennaio 2018 positivo per il mercato dell'auto. Ecco chi è andato meglio nei Top 5 d'Europa
2 giorni fa

AUTOSHOW24 - Buon inizio di 2018 per tutti i maggiori mercati europei dell'auto, fatta eccezione per il Regno Unito, l'unico che ha registrato ...

Europrogetto DTT, la Regione Lazio ha candidato Frascati
1 giorno fa

THESTARTUPPER - Realizzare in sette anni un impianto in grado di fornire energia elettrica da fusione nucleare entro il 2050. Si chiama DTT, Divertor Tokamak Test ed e' il progetto europeo a cui la Regione Lazio ha candidato il centro Enea di Frascati.

Meno operai, solo specializzati e trasversali: ecco il futuro del Lavoro
1 giorno fa

THESTARTUPPER - Il futuro del mondo del Lavoro in provincia di Frosinone. L'analisi del Consiglio Generale Cisl riunito a Fiuggi. La radiografia del settore. Le prospettive. Le vertenze aperte. I risultati raggiunti. No ai populismi. Ecco dove stiamo andando.

La Birra dell'anno? Viene prodotta in 5 aziende del Lazio
3 giorni fa

THESTARTUPPER - Cinque birre laziali conquistano la medaglia nella XIII edizione del premio 'Birra dell'Anno' promosso da Unionbirrai. I numeri di un fenomeno industriale in crescita.