CASSINO – Gli Archi Village: emozionante sfida tra talenti emergenti. Scelti dieci finalisti per la serata del 10 agosto di “Giovani Voci” 2012

Un livello altissimo, quello che ha caratterizzato la quarta edizione del concorso canoro “Giovani Voci”, ideato da Davide Petrucci e presentato dalla Cierreci. Ben venti i giovani che hanno raggiunto la semifinale dell’8 agosto, a cui sono approdati dopo intense audizioni. Solo dieci, però, quelli scelti dalla competente giuria per calcare ancora le scene del palco de “Gli Archi Village” su cui si sono esibiti i ‘big’ del panorama musicale italiano. Dopo oltre tre ore di esibizioni live, con la scoppiettante partecipazione di Francesco Facchinetti e l’accompagnamento della ‘Rock Ensemble’, i giurati – con Paolo Ormi come presidente; Davide Petrucci in qualità di Art director della kermesse; Mario Stefanelli di Radio Manà Manà, a diffusione regionale; Sacha Sirolli per Il Messaggero e la sua testata web Network 24; Lorenzo Valente, laureato in Didattica della Musica, nelle sua veste di tecnico del settore – hanno ‘sciolto le riserve’ palesando il risultato della loro votazione.

Ad accedere alla finalissima sono stati: Emanuela Zonetti, 29enne di Roma, con “Cuore” di Rita Pavone; la 17enne Ilenia Pacitti di Cervaro con “Notturno” di Mia Martini; gli Ermendada, una band di Cervaro composta da 7 membri, che ha portato sul palco un inedito:“Pane Quotidiano”; Angela Sofia, 25 anni di Sant’Elia Fiumerapido, con “The Best” di Tina Turner; le D&D, duetto composto dalle sorelle Diana e Deborah Miele di Cassino; Claudia Stammegna, 23enne di Pignataro Interamna, con “Heavy on my heart” di Anastacia; Giada Agasucci, 17enne di Pomezia, con “Hero” di Mariah Carey; Elena Nacci di Cassino, 28 anni, con “Sei Bellissima” della Bertè; Clelia Pomella, 17enne di Villa Santa Lucia, con “La voce del silenzio” di Mina; e la 18enne di Cervaro, Valeria Pucci, con “Pensiero Stupendo” di Patty Pravo.

«“Giovani Voci” è una opportunità ed una prova importante per tutti i ragazzi che ci credono e che magari hanno provato mesi e mesi anche nelle cantine o nelle taverne per approdare a circa 4 minuti e mezzo di esibizione – ha sottolineare Francesco Facchinetti – Però questa è l’essenza del lavoro dei cantanti, per cui chi vuole perseguire questa strada deve mettere in conto tutto il lavoro che c’è dietro. Proprio sul palco di “Giovani Voci”, dove si sono esibiti artisti tra i migliori del nostro panorama musicale, questi ragazzi potranno capire se fare della loro passione un lavoro oppure no: suonare e cantare sullo stesso palco su cui si sono esibiti Venditti, Pino Daniele, Grignani ed Emis Killa è per i partecipanti sicuramente un grande stimolo che ricorderanno per tutta la vita, qualsiasi sia il risultato della gara».

I talenti che saliranno ora il 10 agosto nuovamente sul palco de “Gli Archi Village” si contenderanno la partecipazione a Sanremo Lab, la produzione di un inedito, un contratto discografico per due anni, la produzione professionale del supporto digitale che contiene tre cover ed un inedito indispensabile per la partecipazione a Sanremo Lab.

Menu