Campionati Nazionali Universitari Cassino Cnu 2013: cerimonia apertura all’insegna dello sport, cultura, spettacolo

Campionati Nazionali Universitari Cassino Cnu 2013: alle 20.00 di sabato sera il countdown, installato ad ottobre scorso al centro della rotonda dello sport, in via Casilina sud,  si è fermato. Da quel momento siè aperta ufficialmente la manifestazione.

A sancire l’apertura della 67esima edizione, a chiusura del suo discorso di 12 pagine, il rettore prof. Ciro Attaianese. Il rettore cita Marcel Proust per dichiarare aperta la manifestazione. “Tutti insieme – dice – abbiamo condiviso un percorso nella convinzione che un vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi”.   E, sicuramente, sarà così.  Il territorio, dopo i Cnu, sarà visto con nuovi occhi. E sarà ricco di nuovi impianti sportivi, realizzati grazie alla sinergia tra istituzioni.

“Lo spirito che ci ha guidato  è stato quello di fare dei Campionati Nazionali Universitari un evento di  sistema che coinvolgesse il territorio, la società, l’università in tutte le sue diverse articolazioni e che rappresentasse l’occasione per incrementare il patrimonio di impianti sportivi a disposizione dei nostri studenti e di tutti coloro che hanno voglia di utilizzarli” – ha sottolineato  il rettore. E ha aggiunto: “La  filosofia che da sempre ci ispira punta a trasformare le idee e i progetti in realtà, a privilegiare i fatti alle parole”.

All’apertura ufficiale della manifestazione si è arrivati dopo un lungo e intenso pomeriggio segnato dall’accensione della Torcia a Montecassino, l’arrivo in piazza Diamare e l’incontro tra sport e cultura. Gli atleti dei 52  Cus partecipanti si sono uniti ai figuranti del Corteo storico “Terra Sancti Benedicti” che,  in via del tutto eccezionale, hanno impreziosito la sfilata.  Un lungo corteo chiuso dalle autorità e dal tedoforo del Cus, Simone Arduini, ha sfilato nel cuore della città fino a raggiungere lo stadio “Salveti”. Qui, in un’atmosfera carica di emozioni, il programma tradizionale si è intrecciato con cultura e spettacolo. Dopo l’accensione del tripode, la cerimonia dell’ alzabandiera, il giuramento dell’atleta e dei giudici di gara recitati, rispettivamente, da Fabiana Cironi e Oriana Balboni, le luci dei riflettori sono state puntate per le popolane del corteo storico che hanno regalato uno spaccato  di ciò che accade a Cassino e Montecassino, nella settimane delle celebrazioni benedettine. Poi, l’omaggio al grande Pietro Mennea.

Dalla corsia n. 3, dove il 22 marzo del 1983 Mennea stabilì il record mondiale dei 150 metri piani con 14” e 80, è stata scoperta la foto del campione. Dal ricordo di Mennea al ricordo del pionere dell’atletica leggera in provincia di Frosinone, Pietro De Feo e fondatore dell’Atletica Cassino vera fucina di talenti. Tra i tanti la campionessa Elisa Rea presente sabato sera al Salveti insieme ad un altro campione Laurent Denis Ottoz passato alla storia dello sport grazie alla sua partecipazione ai CNU. La prima parte della cerimonia è continuata con gli interventi delle altre autorità.

Il segretario generale del Coni Roberto Fabbricini, il quale ha evidenziato: “Tempo fa ho visitato questo impianto un apprezzamento al Sindaco, al rettore, al presidente del Cus Cassino perché credo che allora non si potesse pensare che questo impianto  fosse come oggi. E’ il simbolo della grande capacità dirigenziale, operativa, delle forze che hanno creato qui a Cassino. L’augurio più forte è che i raggazi da questa esperienza traggano una forza maggiore nel rispetto della lealtà che è patrimonio dello sport agonistico ma è patrimonio dell’uomo”.

Il presidente del CUSI, Leonardo Coiana nel ringraziare le autorità rivolgendosi ad Attaianese ha detto: “Il vostro rettore è riuscito a trascinare con entusiasmo tutti che hanno certamente aderito  a questo progetto. Nel ringraziare tutti voi per un evento che pur non conoscendolo nell’ambito delle sue specificità grazie all’azione di Attaianese sono venuti a conoscenza di quelle che erano le prospettive”. Un grazie Coiana l’ha rivolto ai ragazzi partecipanti: “Sappiate che questi 10 giorni di festa. Sono dieci giorni in cui nelle varie competizioni e nei momenti di aggregazione potete gioire e risolvere tanti di quei dubbi, problemi che vi potrebbero venire”.

A prendere la parola subito dopo il presidente del CUS Cassino, prof. Carmine Calce.  “Ci fa piacere pensare che l’accresciuta attenzione per l’ attività motoria in questi anni sia anche per merito nostro.  Dalle tante iniziative di promozione sportiva che il Cus opera sul territorio. Sono passati 15 anni ed eccoci di nuovo qui più determinati ma con la stessa sana incoscienza che ci animava allora e che è poi il tratto ci caratterizza. Opportunità e sfida è stato il nostro motto. Stare qui su questa pista ci fa dire: ce l’abbiamo fatta, ce l’abbiamo fatta. Cassino ha di nuovo la sua pista di atletica che detiene un record del mondo. L’opportunità è stata colta e la sfida in parte vinta. E non ci fermeremo. Con questo spirito il Cus continuerà a farsi promotore di una reale cultura dello sport”.

A chiudere la serie di interventi il sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone. “L’importante non è vincere ma partecipare. Oggi dico che abbiamo vinto tutti, ce l’abbiamo fatta. E siamo qui a goderci uno spettacolo che ci meritiamo e che vi meritate. Se siamo riusciti ad ottenere i risultati che vedete il merito è anche di voi cittadini, che con i vostri sacrifici e il vostro impegno contribuite a fare in modo che Cassino diventi sempre più una città internazionale, moderna e attenta a quei valori, come lo sport, che nobilitano l’uomo.  Questa sera vorrei ricordare ancora due grandi uomini a cui abbiamo dedicato la pista di atletica e il viale di accesso: Pietro Mennea e Pietro De Feo. Ci auguriamo che da questi Campionati possa nascere tra i nostri atleti la passione e possa essere lo slancio per raggiungere ulteriori e importanti traguardi nella loro vita”. La consegna dei riconoscimenti ai main sponsor e agli sponsor ha chiuso la prima parte della manifestazione accesa, nella seconda parte, dal grande spettacolo dello show di Alessandro Siani.  Una standing ovation è stata attribuita al grande attore che ha riservato al pubblico dei CNU uno spettacolo esilarante che lo ha visto interagire con la paltea. Al termine il rettorato lo ha omaggiato con i gadget di Cassino 2013 e la mascotte Solana.  Nella giornata di domenica i rettori ospiti, dopo una visita in abbazia, hanno visitato la Valcomino e, nel pomeriggio, parteciperanno all’inaugurazione del Solana Village presso il Teatro Manzoni. Il  Solana Village è la casa dei Cnu, dove nel corso dell’intera settimana eventi culturali e ricreativi.

Fonte: www.cnucassino2013.it

Menu