Armi e violenza in Piazza Labriola: Cassino scioccata. La ricostruzione della vicenda

Proseguono a ritmo serrato le indagini di Polizia e Carabinieri sugli atti di violenza verificatisi ieri pomeriggio intorno alle 18:30 nella centralissima Piazza Labriola a Cassino. Alcuni giovani, forse appartenenti a due gruppi contrapposti, si sarebbero affrontati a poca distanza dal palazzo di giustizia, ubicato nel cuore della città martire.

Stando alle frammentarie testimonianze dei presenti e pubblicate sulla stampa locale, durante la colluttazione, scoppiata per motivi al vaglio degli investigatori, sarebbero spuntate mazze, coltelli e forse anche una pistola dalla quale sarebbero esplosi alcuni colpi. Quanto al bilancio della rissa, un minorenne risulterebbe ferito alla coscia da una coltellata. Il tutto fra lo shock e l’incredulità dei presenti nella piazza, in quella che doveva essere una tranquilla domenica post-natalizia.

Qualcuno ha chiamato subito il 113, ma all’arrivo delle forze dell’ordine nella piazza non c’era più nessuno. A quel punto agenti e carabinieri hanno provato a ricostruire l’accaduto indagando tra i testimoni. Secondo quando riportato da Il Messaggero nell’articolo di Vi.ca. i bossoli dei proiettili non sono stati ritrovati. Per Il Nuovogiorno, invece, un bossolo si sarebbe conficcato nelle carrozzeria di un automobile. Le immagini delle videocamere di sorveglianza, ad ogni modo, dovrebbero fornire maggiori indicazioni agli inquirenti, secondo i quali, stando a quanto riportato da Paola Caramadre su Il Quotidiano Ciociaria, potrebbe trattarsi di un’aggressione «scaturita nell’ambito dello spaccio di sostanze stupefacenti che avrebbe come epicentro proprio piazza Labriola.»

Menu