ABBRUZZESE: “sinergia con UE nello sviluppo decision-making regionale”

“Ho accettato con favore l’invito del Presidente Casciani a partecipare a questa seduta della Commissione perché credo fermamente nella centralità dello sforzo di coordinamento tra l’attività legislativa regionale e quella comunitaria. Sono convinto che solo tramite un’interazione serrata tra sfera intergovernativa ed ascolto delle realtà locali si possa generare un corpus legislativo che sia efficace, senza per questo essere lontano dalle esigenze del territorio”. Lo ha affermato oggi il Presidente del Consiglio Regionale Mario Abbruzzese, in occasione della relazione introduttiva alla seduta della Commissione Affari Comunitari ed Internazionali tenutasi oggi in Sala Sabini.

“Per quanto riguarda la nostra regione – ha continuato Abbruzzese – credo che possiamo considerare in buona parte raggiunto uno degli obiettivi fondamentali dell’Europa: il diritto all’autonomia regionale e locale e alla coesione territoriale, oltre a quella economica e sociale, tramite il rafforzamento dei poteri conferiti alle Regioni nel processo di monitoraggio della sussidiarietà, anche tramite modalità che prevedono il coinvolgimento delle Assemblee regionali. Voglio rendere pubblicamente merito a questa Commissione per l’attivismo mostrato sino ad ora ed essere partecipe delle nuove proposte che si stanno analizzando in questa sede”.

“Proposte che saranno sicuramente utili – ha puntualizzato il presidente Abbruzzese – a rendere la nostra Assemblea Legislativa sempre più protagonista nella formazione degli atti dell’Unione europea, facendo sì che essa possa garantire la massima diffusione relativa all’adozione e all’attuazione di atti comunitari. Atti che diventano in questa complessa contingenza economica estremamente importanti, perché incidono sulla vita delle imprese e sullo sviluppo del territorio. Il Consiglio, voglio ribadirlo, pur non avendo tra le sue competenze la gestione dei fondi europei che competono alla Giunta, vuole diventare protagonista attivo della fase di policy-making comunitario: proprio venendo incontro ad una sollecitazione giunta dal presidente Casciani perciò farò quanto nelle mie possibilità per costituire entro tempi brevissimi, un Ufficio che possa adeguatamente supportare la Commissione ed il Consiglio nell’affrontare le delicate problematiche connesse alla legislazione europea”.

“A breve, infatti – ha concluso Abbruzzese – in collaborazione con l’ASAP (Agenzia per lo Sviluppo delle Amministrazioni Pubbliche, ente regionale a totale partecipazione pubblica) sarà definito un piano di formazione per i dipendenti della Commissione e di tutti gli uffici legislativi che abbiano diretto accesso all’analisi ed all’applicazione della produzione legislativa comunitaria. Il mio augurio è che, parallelamente a questo deciso passo in avanti in senso tecnico, possano essere rilanciate attività di collaborazione e partenariato internazionale, gemellaggi tra istituzioni locali o attività promozionali che possano favorire la nostra impresa all’estero”.

[nggallery id=15 template=caption]

Menu