martedì 1 maggio 2012 redazione@cassino24.it

1 MAGGIO, ABBRUZZESE: LAVORO ELEMENTO CARATTERIZZANTE DELLA DIGNITA’ UMANA

 

“Mi auguro che il Primo Maggio possa essere l’occasione per riscoprire l’importanza del lavoro quale elemento di crescita non solo professionale della persona, ma come strumento di coesione sociale ed allo stesso tempo di riconoscimento della dignità umana”. Lo ha affermato oggi il Presidente del Consiglio regionale del Lazio, Mario Abbruzzese, a margine della tradizionale cerimonia del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, presso il Palazzo del Quirinale con i nuovi ‘Maestri del Lavoro’ del Lazio.

“La giornata odierna – ha continuato Abbruzzese – dovrebbe costituire un momento di festa per tutti. Realisticamente, però, dobbiamo ammettere che in molti casi non è così. La persistenza di vaste aree di lavoro irregolare o addirittura in nero, il ripetersi di casi di sfruttamento, la tragica sequela di incidenti mortali e l’aumento del ricorso alla cassa integrazione sono fattori che avviliscono la nostra coscienza civica, segnalandoci una preoccupante perdita del valore del lavoro come fattore di crescita umana e civile.

In occasione del primo maggio – ha concluso Abbruzzese – il mio pensiero va alle crisi aziendali che monitoriamo congiuntamente con l’Assessorato alle Politiche del Lavoro, in particolar modo a quelle che incidono in maniera considerevole sul tessuto produttivo regionale, come ad esempio i casi della Technicolor di Anagni, dell’Ilva di Patrica e del tecno-polo Tiburtino. Il mio auspicio è che, congiuntamente alla risoluzione delle numerose crisi locali, si dia il via a livello nazionale, ad una nuova fase di scelte condivise e di strategie comuni, che veda il Governo, i sindacati, le forze politiche tutte, impegnate attivamente nel promuovere lo sviluppo, mitigando la conflittualità sociale e respingendo pericolose derive populiste”.

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA